05.02.06 15:12 Età: 11 yrs

È nato un nuovo osservatorio amatoriale

Categoria: News
Autore: Stefano

Finalmente ho realizzato un mio sogno. Ho realizzato un osservatorio astronomico privato. Per i dettagli sfoglia la sezione dedicata all’osservatorio.

 

Finalmente ho potuto realizzare un mio sogno!

 

In queste pagine potete trova

  1. Una descrizione del progetto
  2. L’album fotografico
  3. I dati tecnici 

Descrizione del progetto
Da anni sognavo di poter accedere al firmamento in modo semplice ed autonomo. Purtroppo le varie difficoltà di ordine pratico hanno sempre frenato questo mio desiderio.

La spinta decisiva mi è stata data durante l’ultima assemblea della Società Astronomica Ticinese (marzo 2004). Infatti Stefano Sposetti (famoso astrofilo e cacciatore di pianetini della zona) ha presentato il suo lavoro e lo ha fatto in modo da invogliare i presenti alla costruzione di un proprio osservatorio.

Ecco quella era la spinta che mi mancava!

I vantaggi di avere un osservatorio amatoriale privato sono i seguenti:

  • facilità d’accesso,
  • disponibilità,
  • poter osservare tutte le sere (quando fa sereno),
  • stabilità dello strumento,
  • nel caso in cui le condizioni metereologiche cambiano, è possibile adattarsi rapidamente.

Gli svantaggi sono i seguenti:

  • postazione non ideale,
  • inquinamento luminoso,
  • orizzonte limitato dalle montagne.
  • I vantaggi superano ampliamente gli svantaggi, quindi ho deciso di rimboccarmi le maniche e procedere.

Tra il dire ed il fare…. ho dovuto procedere come segue:

  1. trovare il sito,
  2. ottenere il permesso di costruzione dal municipio,
  3. costruire una casetta con il tetto apribile,
  4. trovare uno strumento adatto,
  5. trovare la soluzione per fissare in modo stabile lo strumento.

Fortunatamente il sito sono riuscito a trovare il sito in un terreno adiacente a quello in cui abito, grazie alla grande disponibilità della proprietaria.

Per ottenere il permesso di costruzione ho dovuto armarmi di pazienza e sottostare alle leggi locali. Quindi mi sono informato presso il municipio riguardo a tutte le formalità necessarie. Ho fornito al municipio un piano descrittivo di cosa e dove volevo costruire. Poi bisogna avere pazienza ed attendere i tempi procedurali.

Per la costruzione della casetta: inizialmente volevo costruire un “fai da te” seguendo gli innumerevoli esempi reperibili su Internet. Il sito Amateur Astronomical Observatories è il più prezioso, raccoglie una lunghissima lista di possibili soluzioni (oggi contiene anche il mio sito!). Sfogliare le varie soluzioni mi è comunque servito per farmi un’idea più precisa. Poi per una coincidenza ho trovato un costruttore locale che ha dimostrato una incredibile flessibilità e creatività. Infatti ho avuto l’occasione di discutere del mio progetto con il signor Veragouth (che è il proprietario dell’omonima azienda di Bedano/TI). Quindi gli ho fornito tutte le mie esigenze ed il signor Veragouth ha progettato la costruzione. Inizialmente è stato eseguito un modello in scala ridotta, questo è servito per affinare diversi dettagli. Poi finalmente abbiamo visto sorgere la costruzione vera e propria.

Una volta installato ho dovuto far fronte a piccoli problemi pratici, verificabili solo nella realtà. Con l’aiuto del signor Veragouth e della sua azienda è stato possibile risolvere tutte le problematiche ed ottenere un magnifico risultato. Trovo infatti che la soluzione sia versatile, pratica ed esteticamente bella!

Per la scelta dello strumento ho dovuto rompere le scatole a diversa gente. Bisogna chiedere, telefonare, visitare realizzazioni esistenti, non aver paura di disturbare nessuno! Quando meno me lo aspettavo ho trovato un Celestron C14 usato, in più che ottime condizioni, da un astrofilo della regione. È uno strumento splendido!

Per il sostegno fisso vale lo stesso discorso, ho chiesto a mezzo mondo poi ho trovato Dario, un fabbro molto flessibile e creativo, che abita nel mio stesso paese. È stato capace di realizzare in tempo da record un pilastro ad-hoc, funzionale e molto stabile. Ottimo lavoro!

Finalmente adesso posso godere della comodità di osservare ad una quarantina di metri da casa!

Ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato nella realizzazione del progetto.

In particolare un grande supporto morale e pratico mi è stato fornito dalla mia compagna Cristina, infatti lei mi ha motivato sin dall’inizio ed ha spesso partecipato attivamente alle diverse attività pratiche.

Per informazioni contattatemi all’indirizzo stek(at)astromania.net